La Sfida sulla Gestione del Tempo

Sfide

Gestione del Tempo

La gestione del tempo è uno dei pilastri su cui si fonda la nostra vita. E lo è indipendentemente dalla consapevolezza che ne abbiamo.

“Tempo, comunque vadano le cose lui passa…” canta Jovanotti.

Una frase semplicissima, che avremo canticchiato non so quante volte ed in quanti contesti. Una frase che nasconde un significato molto più profondo.

“Tempo comunque vadano le cose lui passa. E se ne frega se qualcuno è in ritardo…”

Il tempo passa, sempre e comunque. Non importa chi siamo, non importa in che contesto ci troviamo, non importa neanche cosa vogliamo, lui passa.

E tutt’al più forse lo hai misurato. Con i tuoi orologi di ogni marca e modello. Ma tanto il tempo resta sempre lui quello…”

C’è una frase che risuona nella mia mente dal momento in cui l’ho ascoltata per la prima volta qualche anno fa:

“Tutti noi abbiamo a disposizione lo stesso ammontare di tempo.”

Prendete a riferimento una persona che ammirate in modo sincero e profondo, una persona che vi piace prendere come ispirazione. Beh quella persona ha a disposizione lo stesso numero di ore, minuti, secondi che voi, che tutti noi abbiamo a disposizione.

“Barack Obama ha a disposizione lo stesso ammontare di tempo che tu hai a disposizione Federica.”

Era lui il presidente degli Stati Uniti quando mi sono sentita dire questa frase per la prima volta.

Per molto tempo ogni volta che mi sono trovata in difficoltà – perché si sa il tempo non basta mai – ho ripensato ad Obama. Avrà anche avuto un intero team al suo servizio, ma stiamo parlando pur sempre del presidente degli Stati Uniti. Credo fosse leggermente più impegnato di me!

“L’unica cosa che ci è data di fare, è avere il tempo da poter organizzare…”

Ed eccoci qui con un’altra grande verità dalla canzone “Non m’annoio.” Se il tempo è uguale per tutti, è la nostra abilità nella gestione del tempo a fare la differenza.

Non possiamo cambiare l’ammontare di tempo che abbiamo a disposizione, bene OK. Abbiamo comunque un grosso potere, quello di decidere come usare il nostro tempo.

Abbiamo il potere di gestire al meglio il nostro tempo.

La Sfida sulla gestione del tempo

Dedico le sfide agli argomenti che mi stanno veramente a cuore (vi ricordate la prima sfida sull’attitudine positiva?) e che credo indispensabili nella nostro percorso di crescita personale.

L’obiettivo di questa sfida sulla gestione del tempo è quello di fornire un percorso di riflessione – perché la riflessione porti ad una maggiore consapevolezza – di condividere qualche spunto organizzativo e quello di promuove l’azione.

Azione significa fare. Alla fine è tutta una questione di pratica. È tutta una questione di resilienza, di dedizione.

Le 3 fasi della Sfida sulla gestione del tempo

Ho organizzato la sfida in tre parti e tre settimane.

1. Riflessione e consapevolezza

La prima fase e la prima settimana è dedicata alla riflessione. Dalla riflessione scaturisce una maggior consapevolezza. Riflessione su che cosa? Sul valore del tempo innanzi tutto. La gestione del tempo è un argomento complesso che merita appunto una bella riflessione.

Quando si parla di gestione del tempo si parla quasi esclusivamente di successo, produttività ed efficienza uno dei profondi effetti della società nata dalla produzione di massa. È facile allora saltare immediatamente a parlare di tecniche e segreti per ottimizzare e gestire al meglio ogni minuti della nostra vita.

Ed anche se volutamente ho “parcheggiato” l’argomento della selezione degli obiettivi (fondamentale per sapere dove vogliamo andare, ma che merita un capitolo a parte), l’invito è quello a guardare alla gestione del tempo superando il tradizionale modo legato esclusivamente all’efficienza e alla produttività, facendo un po’ di “shake-up” come mi piace pensare.

La riflessione riguarda proprio questo: c’è molto di più. Non dobbiamo concentrarci esclusivamente su produttività ed efficienza.

Per aiutarmi e aiutarvi in questa riflessione il concetto di Ozio Creativo può rappresentare un buon punto di partenza. L’intersezione di tre dimensioni: lavoro, studio, gioco considera tre componenti importanti della nostra vita. Non fatevi ingannare dall’etichetta gioco pensando che siete ormai grandini e che per voi non vale. Il gioco è sinonimo di allegria, di relazioni sociali e non ha un’età.

Il TED Talk di Laura Vanderkam “How to gain control of your free time” racchiude altri elementi importanti su cui riflettere.

Il tempo è elastico. Il tempo è flessibile. Il tempo è una scelta.

La guida della prima settimana – o dei primi giorni, visto che il tempo è elastico – è rappresentata dall’articolo “Gestione del tempo: produttività, successo e cos’altro?

Inauguro anche una nuova sezione del sito: risorse. Qui troverete alcuni strumenti che spero possano essere utili per a passare dalla teoria alla pratica.

Nella sezione risorse trovate:

  • un poster riassuntivo che ho intitolato alleniamoci a gestire il tempo in 4 passi che può aiutarvi nel processo
  • un poster che ho chiamato lista delle priorità dove potete inserire (appunto) le vostre priorità

2. Organizzazione

La seconda fase e la seconda settimana è dedicata all’organizzazione e si apre con una domanda: come possiamo guardare al tempo?

Se si tratta infatti di gestire il tempo, dovremo forse prima interrogarci sul modo “migliore” (mi permetto le virgolette perché poi è tutto relativo) di guardare al tempo.

La guida della seconda settimana è l’articolo “Come guardare alla gestione del tempo: micro e macro momenti.”

Se guardare indietro, a ciò che abbiamo imparato dalle nostre esperienze è importantissimo, guardare avanti porta con se una grossa responsabilità: quella di vivere al meglio la vita che abbiamo a disposizione, quella di essere felici.

Se guardare al tempo con un orizzonte di breve, medio e lungo termine è molto comune, guardare al tempo in termini macro e micro può essere un altro modo per fare shake-up per metterci in discussione.

I macro e i micro momenti – in particolare i micro momenti – saranno fondamentali per passare all’azione.

Nella sezione risorse (a cui potete eccedere previa registrazione) troverete:

  • un poster con una MACRO visione dell’anno che ho chiamato macro momenti. Può essere interessante da stampare e da tenere ben visibile
  • un file excel con una MACRO visione dell’anno e dei singoli mesi. L’excel è il mio strumento preferito che uso, controllo e aggiorno spesso

3. Azione

La terza fase e la terza settimana è dedicata all’azione. Ora che abbiamo riflettuto e abbiamo almeno un pizzico di consapevolezza in più sul valore del nostro tempo e sull’opportunità di non guardare al tempo solo in termini di produttività, efficienza e successo di breve, medio e lungo periodo, è tempo di passare all’azione!

La guida della terza settimana è affidata all’articolo “Gestione del tempo: consapevolezza, organizzazione, azione e tanta pratica,”

Nella sezione risorse trovate il poster dal macro al micro per aiutarvi nel processo.

Nel mio personale percorso per migliorare la mia gestione del mio tempo ho letto, osservato, sperimentato, sbagliato, aggiustato e riprovato tanto. Lo sto ancora facendo e continuerò a farlo, è un processo senza soluzione di continuità e va bene così.

Avevo proprio voglia di condividere dove sono. Il pensiero che la mia esperienza possa essere un utile spunto e – forse ancora più importante – che dal dialogo, dal confronto, che ne emerge (aspetto i vostri commenti qui sotto!!!) germogli qualcosa di più mi rende molto felice e ripaga tutta la dedizione dietro questo progetto.

Abbiamo detto azione, giusto? Il mio invito a promuove l’azione passa attraverso:

1. Macro e micro momenti nel calendario

Guardatevi il video sull’applicazione del concetto di macro e micro momenti alla gestione del calendario.

Potete scaricarvi il file excel nella nuova sezione risorse di Comfort Zone Shake-Up (troverete man mano altri strumenti utili quindi vi consiglio di mettere il link tra i vostri preferiti!).

2. La pianificazione della settimana

Pianificate la settimana e provate a farlo ogni settimana per arrivare preparati al lunedì mattina. Qui il consiglio è di dedicare a questa fase il giusto tempo (non spaventatevi se la prima volta sembra tutto molto complicato, con la pratica sarà tutto molto più veloce!) tra il venerdì pomeriggio e la domenica sera.

Iscrivetevi alla sezione risorse per saperne di più 😉

È fondamentale iniziare la settimana con un piano. Infondo, l’opportunità di aggiustare il piano è sempre lì a nostra disposizione.

Conclusioni 

La gestione del tempo è uno dei pilastri della nostra vita. Il tempo – comunque vadano le cose – passa. Sta a noi guardare avanti e imparare a gestirlo al meglio. È un processo che richiede consapevolezza, organizzazione e azione.

Non serve la perfezione (questo lo dico molto più a me che a voi), serve la volontà di provare, riprovare, riprovare e ancora riprovare. Pensate a quanti lunedì abbiamo per fare pratica!

Buona sfida e mi raccomando condividete com’è andata 😉

Photo by rawpixel on Unsplash


Articoli recenti


Categorie


Iscriviti alla newsletter

Articoli recenti:

Lascia un commento