Il “COSA” di Comfort Zone Shake-Up

Inizia Qui

Il “COSA” di Comfort Zone Shake-Up

Cosa si fa per espandere la nostra Comfort Zone? Cosa si fa per fare Shake-Up della nostra vita? Il Golden Circle di Comfort Zone Shake-Up si chiude con il “COSA.”

Ed ecco che entrano in scena i due concetti su cui si fonda Comfort Zone Shake-Up di cui vi ho giusto accennato nell’articolo di apertura del nuovo sito. Quello dell’individualità – del complesso di qualità singolari di ognuno di noi – e quello dell’empowerment ovvero del potere che abbiamo di migliorare la nostra vita.

Il punto di partenza: noi e la nostra individualità

La Zona di Comfort siamo noi.

Non ve lo aspettavate, eh? Pensateci bene. La Zona di Comfort siamo noi con la nostra identità, noi con la nostra educazione, noi con la nostra cultura. Siamo noi con la nostra famiglia, gli amici, il lavoro, il tempo libero. La Zona di Comfort siamo noi con i nostri valori. Siamo noi e ciò in cui crediamo. Noi e le nostre abitudini, noi e i nostri rituali, noi e le nostre certezze.

La Zona di Comfort rappresenta chi siamo.

La nostra Zona di Comfort va conosciuta. Va accettata. Apprezzata. Amata. La nostra Zona di Comfort è il nostro centro di gravità permanente, il nostro io, la nostra vita. Non rilassatevi troppo però, perché se la Zona di Comfort rappresenta chi siamo,

La nostra Zona di Comfort è solo il nostro punto di partenza.

Il nostro super potere: il potere che abbiamo di migliorare la nostra vita

“It’s up to you” / “Sta a te” dicono qui in America. “It’s up to you New York, New York” cantava Frank Sinatra. Un vero e proprio mantra che mi sono ripetuta mille volte in questi anni mentre oltre alle luci sfavillanti della città scoprivo l’altra New York, quella dura, quella che non guarda in faccia a nessuno, quella che non puoi distrarti, quella che non si vede su Instagram.

Comfort Zone Shake-Up si fonda sulla convinzione che dobbiamo partire da noi stessi e che “It’s up to us” / “Sta a noi” trovare ed utilizzare il nostro super potere. Sta a noi scoprire e utilizzare il potere che abbiamo a disposizione per crescere, e scoprire di più. Il potere per migliorare la qualità della nostra vita.

Ognuno di noi rappresenta un proprio io, un punto di partenza diverso da ogni altro punto di partenza. Ognuno di noi è dotato di un proprio potere, un potere diverso da quello di ogni altro essere vivente.

Non ci sono confronti. Non ci sono gare. Non c’è giudizio degli altri da temere. C’è solo un personale, affascinante viaggio alla scoperta di noi stessi, dell’abilità di espandere la nostra Zona di Comfort e della nostra instancabile ricerca di una vita felice e appagante.

Il compito di Comfort Zone Shake-Up è quello di ispirare, motivare e incoraggiare a vivere una “fulfilling life” come dicono qui in America. Una vita appagante e della quale siamo soddisfatti. Quando questo accade, è molto più facile influenzare gli altri a fare lo stesso e il risultato è inarrestabile.

Cosa si fa per espandere la nostra Comfort Zone?

Ho pensato Comfort Zone Shake-Up come un contenitore di idee, consigli, e sfide, selezionate accuratamente per aiutarvi (ed aiutarmi) a tenere alta la motivazione. Motivazione a prendere, e motivazione a mantenere il controllo della nostra vita e del modo in cui interagiamo con la tecnologia.

Per espandere la nostra Zona di Comfort lavoreremo su tre aree principali:

  1. Noi stessi
  2. La nostra abilità di espandere le varie, personali Zone di Comfort
  3. La nostra instancabile ricerca di una vita felice e appagante

E cosa faremo?

Ci alleneremo, faremo pratica.

E ci vuole il giusto equipaggiamento. Curiosi?

Photo: Nousha Salimi

“Dal prossimo monsone mi offrono un incarico di responsabilità 
Domani andrò giù al porto e gli dirò che sono pronto a partire
Getterò I bagagli in mare studierò le carte e aspetterò di 
Sapere per dove si parte quando si parte e quando passerà il 
Monsone dirò levate l’ancora diritta avanti tutta questa è la
Rotta questa è la direzione questa è la decisione.”

Linea d’ombra – Lorenzo Cherubini


Articoli recenti


Categorie


Iscriviti alla newsletter

Articoli recenti:

Lascia un commento